Home / Live Report / UrbanAwards! Tutti i vincitori del 2015

UrbanAwards! Tutti i vincitori del 2015

Eccoci qui, come ogni anno, a fare i bilanci di ciò che è successo nella musica degli ultimi 12 mesi. Per chi ci segue da tempo non è una novità che per noi l’anno comincia e finisce un mese prima; a dicembre di due anni fa infatti venivo ufficialmente scelta come direttore di questo meraviglioso blog ed è da quel momento che il nostro calendario è partito. Tante cose per noi sono cambiate in questi mesi…un anno fa ero tutta sola ad occuparmi della redazione, mentre negli ultimi tempi sono riuscita a circondarmi di tanti validissimi blogger. Questo significa che nei prossimi mesi le novità continueranno a moltiplicarsi!

Siamo partiti da Catania, abbiamo partecipato ad un sacco di eventi, festival, concerti…siamo stati invitati persino dal Papa! Come direbbero i miei redattori, siamo davvero cresciuti un botto!!! Quella che sicuramente è cresciuta più di tutte, però, è la nostra passione per la musica, che ci spinge a fare sempre meglio.

Prima di svelarvi i nomi più significativi di quest’anno, occorre sempre ringraziare chi ha messo in piedi Urbanweek ed ha scelto proprio me per portare avanti la redazione, ovvero i miei “capi” Pierpaolo Drogo e Luca Gatto, che ormai non sanno più come fermarmi! Vorrei anche ringraziare tutta la redazione, i conduttori, i cameraman, i grafici, il mio braccio destro Edward, tutti i miei blogger, Angela che si occupa del sito e mi supporta (e sopporta) nelle mie crisi tecnologiche, tutti gli uffici stampa, i tour manager, le etichette discografiche, le band e gli artisti, i fonici e tutti i professionisti del settore, che ci permettono di realizzare il nostro sogno in musica.

Ma adesso lasciamoci alle spalle i sentimentalismi e passiamo a scoprire chi sono i vincitori di quest’anno!

Curiosi????

I Festival sono la cosa più bella che la musica abbia da offrirci. Si sta insieme, ci si diverte, si ascolta buona musica e spesso è l’occasione perfetta per viaggiare e conoscere posti nuovi. La scelta quest’anno è stata semplice. Ci siamo ritrovati catapultati in un posto meraviglioso in Abruzzo, Vasto, dove l’accoglienza è stata strepitosa, tutto era organizzato alla perfezione; spesso ci siamo lasciati travolgere dall’atmosfera di festa, tuffandoci totalmente in una girandola di colori e di suoni che mai e poi mai dimenticheremo.

Vasto Siren Fest, ti meriti assolutamente questa vittoria!

Miglior Festival:

Vasto Siren Fest

Ypsigrock

Zanne Festival

La Composizione Musicale migliore di quest’anno, ovvero la musica che accompagna le parole, ci è arrivata dritta come un pugno a fine aprile del 2015. Il campione di sputo è stata scelta per il suo modo di raccontare una storia attraverso le note, per i suoi vari cambi di genere, che sono riusciti ad attraversare mezzo secolo di storia della musica con una destrezza magistrale. Che dire di più: bravissimo il Management del Dolore Post-Operatorio e bravissimo Marco Di Nardo per averci regalato questa perla!

Miglior composizione musicale:

Il Campione di Sputo – Management del Dolore Post-Operatorio

Stormi – Iosonouncane

Bes – Stearica

S.P.A.C.E. – Calibro 35

Natale con Ozzy – Verdena

Chiaro di luna siderale – Gianluca De Rubertis

Le cose cambiano – Giorgio Ciccarelli

Bring it on home – Adriano Viterbini

Puzzle – Verdena

Brezny – Colapesce

Scegliere il Miglior testo di quest’anno è stato semplicissimo, appena ascoltata ci è presa una fitta al cuore. Una Donna è il testo più attuale del momento, spacca il cuore, parla di noi, della nostra indifferenza nei confronti di una realtà che si avvicina sempre più alle nostre porte. Il capolavoro tra i capolavori de Il Teatro degli Orrori. 

Miglior Testo

Una Donna – Il Teatro degli Orrori

Esercito Silente – Carmen Consoli

Tu prenditi l’amore che vuoi – Cesare Basile

Atlantide – Daniele Celona

I calendari – Dimartino

Sabotaggi – Ministri

Stare bene è pericoloso – Dellera

Alessandra sarà sempre più bella – Fabrizio Moro

Sono come mi vedi – Mauro Ermanno Giovanardi

L’altra guancia – Colapesce

I nostri blogger, cosa faremmo senza di loro? Siamo diventati un gruppone di amici che amano la musica. Non potevamo assolutamente trascurare queste fantastiche personcine che ci tengono compagnia su queste pagine tutti i giorni! Meritano assolutamente di scegliere il Miglior artista dell’anno!!!

Dopo lunghissime giornate di consultazioni, si sono trovati quasi tutti d’accordo nella scelta: i Dimartino! 

Artista dell’anno/Premio blogger:

Dimartino

Iosonouncane

Appino

Levante

Colapesce

Management del Dolore Post-Operatorio

Dellera

Ministri

Adriano Viterbini

Tommaso Di Giulio

 

Il Miglior tour di quest’anno è senza ombra di dubbio quello di Cesare Cremonini. E’ Più che logico o no?

Siamo affascinati dalla sua musica da sempre, abbiamo ascoltato un numero indefinito di live del cantautore bolognese, ma quest’anno si è davvero superato. Momenti super rock si sono alternati ad altri jazz e swing, un sacco di uomini barbuti sono comparsi sottopalco e la gente lo ama infinitamente. Ha una band che spacca e dei brani indimenticabili.

Miglior tour

Più che logico tour – Cesare Cremonini

 

Rimanendo in tema di tour non possiamo dimenticare tutti quegli artisti indipendenti che salgono su un furgone e vanno su e giù per l’Italia come i pazzi. Quest’anno una band in particolare è riuscita nell’impresa di portare la musica indipendente nei palazzetti. Avrete già capito di chi parliamo! Il premio al Miglior tour indie va a quei gran fenomeni dei “regaz” de Lo Stato Sociale, anche in memoria del loro furgone Augusto Secondo Renato Zeman, che pare averli di recente abbandonati!

Miglior tour indie

Lo stato sociale

Una delle cose a cui teniamo di più noi Urbaniani è di certo la ricerca delle novità, di tutti quei nuovi talenti che hanno bisogno di farsi largo in questo difficilissimo mondo musicale. La tv si è inventata i talent, noi ci siamo inventati i Best New, che sono decisamente meglio!

Ha unito canto lirico, ambient, elettronica, alt R&B e creato qualcosa di irripetibile. L’artista Best New 2015 è Erio, il nuovo talento de La Tempesta International, che col suo Für El ci ha fatti innamorare al primo ascolto.

Best new

Erio

Yakamoto Kotzuga

Calcutta

Voina Hen

Zuth!

Klune

La Governante

Emanuele Colandrea

La ragazzina dai capelli rossi

Il Fieno

Il Miglior Brano di quest’anno parla d’amore, un amore che fa male, che si sta annullando. Ci ha fatto sognare live, ci ha toccato il cuore, Io sono fatto di neve dei Ministri è il Miglior brano del 2015.

Miglior Brano

Io sono fatto di neve – Ministri

Rockstar –Appino

Niente da dichiarare – Dimartino

Le storie che finiscono male – Management del dolore Post-Operatorio

46 – Cesare Cremonini

Niente che non va- Coez

A(t)tratti – Cassandra Raffaele

Se ti sfigurassero con l’acido – Management del Dolore Post-Operatorio

Cannibale – Verdena

Idioti – Ministri

 

Siamo al gran finale, l’Album dell’anno! Non penso ci siano grandi dubbi nell’affermare che questo 2015 musicale si chiuda sotto il segno di Iosonouncane, di amore e morte che si fondono in Die. Musica che si fa arte allo stato puro!

Miglior album

Die – Iosonouncane

L’abitudine di tornare – Carmen Consoli

Un paese ci vuole – Dimartino

Cultura Generale – Ministri

Niente che non va – Coez

I Love You – Management del Dolore Post-Operatorio

Via delle Girandole 10 – Fabrizio Moro

Il Teatro degli Orrori – Il Teatro degli Orrori

Endkadenz vol.1 – Verdena

Oh! – Linea 77

Vi salutiamo con un racconto. Come sapete Urbanweek è soprattutto un format televisivo musicale del sud Italia. Un giorno abbiamo ricevuto una telefonata speciale, niente meno che l’ufficio stampa della Cantantessa ci invitava alla sua conferenza stampa e ci dava la possibilità di intervistarla. Per la serie i sogni son desideri, l’intervista migliore dell’anno è quella a Carmen Consoli e con lei vi salutiamo e vi diamo appuntamento qui sul blog per un nuovo anno di musica insieme!!!

L’intervista

Carmen Consoli

Di Amministrazione

Amministrazione

Controllare

Niccolò Fabi Urbanweek Live Report

Niccolò Fabi: Vent’anni di qualità suonati bene!

Vent’anni di qualità suonati bene! Mentre le radio passano tormentoni estivi che muoiono da lì …

Lascia un commento