Home / Urbanpress / Bowie Days: gli eventi per ricordare il Duca Bianco

Bowie Days: gli eventi per ricordare il Duca Bianco

Morgan e Andy (Bluvertigo): concerto per Bowie

Mostra e concerti alla Galleria MBN di Reggio

9- 12/13 Gennaio

Teatro Goldoni Venezia

La reunion tanto attesa tra Morgan e Andy dei Bluvertigo è finalmente ufficiale, anche se legata ad uno specifico avvenimento:  uno spettacolo esclusivo che hanno voluto dedicare a David Bowie al Teatro Goldoni di Venezia.

Nella scaletta sono previsti i brani di quello che i due artisti definiscono come il periodo più significativo della produzione del Duca Bianco, quella che va dal 1971 al 1997, e Venezia è stata la città scelta in quanto rappresenta a pieno le anime contrastanti dell’artista omaggiato:

 “Eseguire la musica di David Bowie a Venezia ha un senso, è quasi dovuto. Li accomunano la bellezza immortale, la ‘creatività libera ed estrema’, la teatralità intrinseca e quell’essenza tra Eros e Thanatos che li mitizza. Bowie amava questa città così surreale e unica, potente eppure fragile, decadente e sperimentale; la capiva, la godeva, la assorbiva”, scrivono i due artisti sulle loro pagine social.

Sul palco, Morgan e Andy saranno accompagnati dai White Dukes: Alberto Linari alle tastiere, Alessandro De Crescenzo alla chitarra, Marco Vattovani alla batteria, Max Pasut al basso e Nicole Pellicani ai cori.


Altro importante appuntamento in memoria di David Bowie si terrà presso la sede espositiva della MBN Art Gallery di Reggio Emilia sabato 12 e domenica 13 gennaio 2019 

In occasione del terzo anniversario della scomparsa di David Bowie, verrà presentata la mostra Crossing Bowie

Opere di Ivano Boselli, Valentina Carrera, Giuliano Grittini, Giuseppe Orsenigo e Francesco Romoli

La mostra farà da cornice ideale per gli appuntamenti musicali in programma organizzati da Ground Control con Rufus Party, Michele Smiraglio, Stecca, Celeb Car Crash, Sterio41 e Acusting.

Orari:

sabato h 16-21

domenica h 10-13, 15-19

Ingresso libero

L’idea di questo evento nasce dai Ground Control, attivi dall’inizio del 2017 con un progetto di arrangiamenti in chiave psycho-stoner di brani di David Bowie e Lou Reed. L’audace scelta dei 4 membri della Band è in realtà un omaggio al valore creativo della musica, che questi maestri ci hanno trasmesso in modo indelebile!

I Ground Control hanno all’attivo anche un disco “Untied”, composto da 8 inediti e dalla cover di “Absolute Beginners”; questo primo lavoro del gruppo è disponibile in formato CD e nei principali digital store.

Al Bowie Days di Reggio Emilia sono stati invitati diversi musicisti per omaggiare il Duca Bianco con performance acustiche o minimali dei suoi brani, nei giorni vicini alla ricorrenza della scomparsa (10.1.2016).

Fra questi ci sono Band attive dal 1997 come i Rufus Party, che hanno portato il loro “soulgaragepunkblues” fino a New York; ci sono amici come Stecca, cantautore poliedrico e punto di riferimento per tanti musicisti della zona, come ad esempio Michele Smiraglio, compositore e bassista fra gli altri con Graziano Romani.

Alla Domenica hanno accolto con entusiasmo l’iniziativa i Celeb Car Crash, band con diversi dischi all’attivo e passaggi in emittenti fra cui Virgin Radio; Sterio41 è un progetto sperimentale aperto che deve ancora farsi strada, mentre di strada ne fanno parecchia gli Acusting, i cui componenti sono attivi nell’insegnamento ed anche in diversi progetti paralleli tra cui Cover Garden e Massimo Zamboni (ex C.S.I.)

Il progetto RainBowie Festival invece nasce nel 2016 in occasione dell’incontro di diversi artisti milanesi al Flash Mob alle Colonne di San Lorenzo quando è stata data la notizia della morte dell’artista inglese. Nel corso del 2017 si sono presentati in diverse sedi tra le provincie di Milano, Varese e Monza Brianza più di 30 appuntamenti tra mostre, incontri, conferenze, concerti e spettacoli. Per l’esposizione programmata alla galleria MBN di Reggio Emilia, la cui poetica è incentrata sulla fotografia, si è deciso di presentare un estratto dalla mostra “Crossing Bowie”, selezionando artisti che hanno lavorato sulla contaminazione tra pittura e fotografia con un gusto particolare per la grafica. “Crossing Bowie” è u na collettiva d’arte che attraversa il mondo di David Bowie rendendo uno visione dalle mille sfumature. Ogni artista un’interpretazione. Ogni opera un mondo che parte da Bowie, attraversa una sua tematica o un suo aspetto per presentarsi in totale originalità.

Di Maruska Pesce

Maruska Pesce

Controllare

Festival 2019: L’Umbria che spacca

L’Umbria Che Spacca Festival VII edizione Perugia, 5-6-7 luglio 2019   Motta, Gazzelle, Tre Allegri …

Lascia un commento