Home / Senza categoria / Anniversario strage Bataclan: Zucchero contro l'odio, canta "Streets of surrender"

Anniversario strage Bataclan: Zucchero contro l'odio, canta "Streets of surrender"

Erano le 21:30, era il finire di una bellissima giornata d’autunno e qualcosa a Parigi cambiò per sempre. Arrivò in pochi minuti la morte più inattesa, quella che ti coglie mentre bevi una birra al tavolino del bistrot, mentre salti e ti scateni a un concerto rock e i colpi non sono quelli della batteria ma di un kalashnikov che ti spara addosso. Morirono in 130 la sera di venerdì 13 novembre.

Quella ferita sanguina ancora, i francesi non dimenticheranno mai quella partita interrotta dalle esplosioni allo Stade de France, il sangue che colava dai marciapiedi, fra i tavolini della Belle Equipe, del Carillon, del Petit Cambodge, della Bonne Biere, di Casa Nostra, del Comptoir Voltaire. E negli occhi rimarranno le immaigini della carneficina al Bataclan. E’ stato l’11 settembre della Francia, atterrita, ancora sotto shock, ancora alla ricerca di tutti gli assassini e di tutti gli errori commessi.
Ma la voglia di voltare pagina e ripartire è traboccante.

Non dobbiamo mai permettere che l’odio prenda il sopravvento, dichiara Zucchero in merito a “Streets Of Surrender (S.O.S.), brano definito da Bono come un inno contro l’odio e a favore della libertà.

Di vittoria

vittoria

Controllare

Roy Paci: i successi di chi ha riunito ska, folk e patchanka nella campana di un’unica tromba

Un uomo nato con sangue caliente, un siculo che ha sempre ammiccato ai suoni latini …

Lascia un commento